Alla Trattoria Universitaria si mangia…e anche molto bene! Ma ogni tanto si beve anche e in una serata universitaria come si deve non può mancare la Sangria.

La Sangria, per quei due o tre al mondo che non lo sapessero, è una bevanda alcolica a base di vino, frutta e spezie originaria della Penisola Iberica.

Si adatta benissimo allo stile di vita dello Studente Fuorisede in quanto occorrono ingredienti poco costosi: il vino come dicono gli spagnoli stessi più è “scadente” meglio è e la frutta che si utilizza è quella di stagione (che è più buona e non costa troppo). Perfetta per una cena tra colleghi, ma rinfrescante anche per un pranzo, un buffet o un apericena. Insomma ogni scusa è buona per bere sangria!

Della Sangria ne esistono tantissime ricette. Quella che vi propone Trattoria è stata realizzata da Sonia e Sara, due Studentesse Fuorisede che si dilettano nella pallavolo e nel beach volley, ma anche in cucina! La loro ricetta parte da quella più classica con il vino rosso e le pesche ma si arricchisce di un +1, un ingrediente in più rispetto agli ingredienti della ricetta più tradizionale che però si sposa perfettamente agli altri gusti. Non ci credete? Sperimentate!

Ingredienti

  • 1 lt di vino rosso corposo (uno in offerta per la precisione 😀 )
  • 2 stecche di cannella
  • 1 mela
  • 250ml gassosa
  • 120 gr zucchero
  • 6 chiodi di garofano
  • 2 arance
  • 2 pesche
  • 1 melone
  • 1 bacca di vaniglia
  • mezzo bicchiere di Brandy
  • 2 limoni

sangria1

Preparazione

Spremere il succo di 1 limone e 1 arancia.

Prendere un contenitore abbastanza grande. Versare il vino e il brandy e poi aggiungere lo zucchero, chiodi di garofano, la cannella, la bacca di vaniglia (incisa). Versare anche i succhi di limone e arancia e mescolare bene con un mestolo.

Tagliare (a vostro gusto e col vostro stile) tutta la frutta a pezzi (compresi l’arancia e il limone).

Versare la frutta nel vino, mescolare e riporre la sangria+1 nel frigorifero ricoperta con pellicola trasparente. Sarebbe meglio farla riposare una notte intera, ma è buona anche se preparata dalla mattina alla sera!

Servitela aggiungendo la gassosa e magari dei cubetti di ghiaccio!

Buona degustazione da Sonia, Sara, Marta & Valentina  @TrattoriaUni #lostudiogiustoèquellodelgusto

Note

  • Eliminate la gassosa, per un drink ancora più strong 😀

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *